Imprenditori del Web

Dati Istat: “Più di un quarto degli utenti di Internet acquista beni e servizi online. Il 28,2% degli individui di 14 anni e più che ha navigato in Internet nei 12 mesi precedenti l’intervista ha effettuato, nello stesso periodo di riferimento, transazioni commerciali, ordinando e/o comprando merci e/o servizi per uso privato (circa 7,7 milioni di persone).”Per un’azienda di qualsiasi settore merceologico è impensabile, ad oggi, non avere una presenza sul web strutturata e professionale.

Il maggiore e più consapevole uso di Internet da parte dei potenziali clienti ha radicalmente modificato la metodologia di approccio al web da parte di tutti le aziende che hanno interesse a migliorare le proprie “performance”.

La metodologia stessa di marketing è stata profondamente modificata, infatti, mai come ora un sito internet, una campagna e-mail o la presenza sui social network pianificati con professionalità e competenza sono in grado di fornire importanti risultati.

I dati indicano che il web, oggi, è utilizzato dai consumatori per conoscere nel dettaglio le caratteristiche dei prodotti, conoscere le opinioni di altri consumatori in merito ai prodotti, scoprire prodotti simili e/o migliori del prodotto in analisi e avere un canale diretto con l’azienda produttrice.

Quindi online probabilmente si consuma l’esperienza delle fasi pre e post vendita.

E’ questa forse ad oggi la miglior chiave di lettura e/o fase presidiabile per un’azienda/venditore…

…e la vendita è un’arte complessa e laboriosa.

Non ci si può più improvvisare venditori. Ogni singolo step deve essere ragionato ed elaborato molto dettagliatamente.

Si deve essere in grado di raccogliere le informazioni relative al cliente, scoprirne le logiche e le persone che prendono le decisioni di acquisto, capire ed adattare il prodotto alle esigenze del cliente, promuovere la propria immagine (eticamente ineccepibile) al cliente, supportare il cliente in tutte le fasi decisionali e fidelizzare il cliente.

E’ di vitale importanza perciò approcciarsi al web con le dovute capacità e conoscenze.

2 risposte a About

  • Ciao, ho trovato quasi per caso il tuo sito web. Mi chiamo Corrado, ho 37 anni e dopo una vita passata a fare tutt’altro, vorrei tentare la strada dell’agente di commercio. Perché solo adesso? Perchè solo ora? Diciamo che varie vicissitudini personali mi hanno portato a perdere il mio vecchio lavoro, e dopo aver cercato in lungo ed in largo ed essermi reso conto che la crisi ha fatto tabula rasa, sono giunto ad un bivio: o mi rassegno al fatto che la crisi abbia fatto tabula rasa, e mi fermo come tutti gli altri ad aspettare che passi o ad aspettare di morire, o “aggredisco” la crisi e mi metto a cambiare tutto…

    La professione di agente di commercio mi ha sempre attirato: in passato mi è capitato di fare lavori di vendita porta a porta, capendo di non avere la cattiveria necessaria per questo tipo di vendita, ma sono convinto che potrei fare bene ugualmente, perchè ho una certa parlantina, indubbia capacità di comunicazione e bella presenza. Per questo motivo sto cercando di inserirmi in questo mondo, magari anche solo come dipendente all’inizio: per me oggi come oggi non sarebbe importante tanto il fatto di avere uno stipendio elevato (per quello c’è tempo), quanto il fatto di crescere e di formarmi, possibilmente senza dilapidare un capitale che in questo momento non posseggo….

    Per questo ho deciso di chiedere aiuto a te, per capire bene come muovermi per iniziare un’attività del genere, dove cercare, come presentarmi, ecc.

    Spero che tu possa darmi qualche buon consiglio, nel frattempo ti ringrazio di cuore. A presto.

    • Ciao Corrado,
      l’Agente di commercio è la figura chiave con un ruolo determinante per la riuscita di ogni transazione con i clienti ed è l’attore più importante nelle attività di “customer care”.
      L’attività è tra le più dinamiche del mondo del lavoro, l’Agente di commercio è sostanzialmente un imprenditore dotato di ampia autonomia e sempre di più è ormai un consulente sia per i propri clienti sia per le aziende mandanti per i quali non solo deve gestire le dinamiche classiche fornitore-cliente ma anche quelle relative al mercato, sempre più turbolento e movimentato.

      La domanda che mi poni è veramente molto complessa.

      L’Agente di Commercio oggi, deve esssere un professionista con una formazione a 360° sempre aggiornata:
      -sulla vendita (tecniche di vendita),
      -sulle relazioni interpersonali (psicologia),
      -sugli andamenti del mercato (del proprio prodotto di competenza),
      -sugli aspetti fiscali (sopratutto dei mandati)
      -sulla tecnologia (web marketing).
      -ecc…

      L’Agente deve tenere sotto controllo i propri costi di esercizio (vedi articolo)

      L’Agente deve valutare con moltissima attenzione le collaborazioni con le aziende mandanti:
      -dal punto di vista dei prodotti commercializzati (qualità, affidabilità, penetrazione del mercato),
      -dal punto di vista del “Brand“,
      -dal punto di vista della qualità (serietà, affidabilità e puntualità dei pagamenti),
      -ecc.

      …per farla breve l’unico consiglio che mi sento di dare a chi inizia l’attività di venditore nell’anno 2013 (a mio parere) è quella di non fare l’Agente di commercio (come primo impiego), ma di imparare il “mestiere” (come tecnico commerciale o simile) con la garanzia di uno stipendio fisso mensile (anche fisso + provvigioni).

      In bocca al Lupo!
      Bruno

Rispondi