Imprenditori del Web

Dati Istat 2012: “Più di un quarto degli utenti di Internet acquista beni e servizi online. Il 28,2% degli individui di 14 anni e più che ha navigato in Internet nei 12 mesi precedenti l’intervista ha effettuato, nello stesso periodo di riferimento, transazioni commerciali, ordinando e/o comprando merci e/o servizi per uso privato (circa 7,7 milioni di persone).”

 

In questo ultimo anno anche se il commercio elettronico è in forte crescita e guadagna grosse fette di mercato, in Italia l’acquisto off-line dei prodotti e/o servizi continua ad essere preferito.

 

Il contatto diretto con il venditore, il faccia a faccia, continua ad essere un valore aggiunto nella vendita. Il contatto umano, ma anche la possibilità di avvalersi di un apporto consulenziale, la certezza delle consegne, la chiarezza nei dettagli contrattuali e la firma apposta su un contratto di vendita, la possibiità per l’acquirente di effettuare il reso della merce se non soddisfatto.

[ad] Empty ad slot (#1)!

Oltre ai problemi inerenti la paura sulla sicurezza delle transazioni finanziarie, cioè sull’eventuale uso fraudolento della carta di credito con relative perdite economiche (che è il problema principale che limita gli acquisti sul web).

 

L’e-commerce, di contro, permette di saltare parte della filiera commerciale:

  1. agenti di vendita
  2. distributori al dettaglio

permettendo ai prezzi di subire una forte diminuzione alla vendita.

 

Questo valore aggiunto però, spesso non equipara la garanzia di avere a che fare con una persona fisica.

 

I dati sembrano indicare che oggi il web è utilizzato dai consumatori per conoscere nel dettaglio le caratteristiche dei prodotti, conoscere le opinioni di altri consumatori in merito ai prodotti, scoprire prodotti simili e/o migliori del prodotto in analisi, avere un canale diretto con l’azienda produttrice.

 

Quindi online probabilmente si consuma l’esperienza delle fasi pre e post vendita. E’ questa forse ad oggi la miglior chiave di lettura e/o fase presidiabile per un venditore.

 

Le trattative commerciali ad oggi si concludono per la maggior parte ancora tra persone fisiche in luoghi fisici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *